Mindset

La Felicità

𝐋𝐚 𝐑𝐢𝐜𝐞𝐫𝐜𝐚 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐅𝐞𝐥𝐢𝐜𝐢𝐭a’

di Maria Cramarossa

 
Ieri riflettevo domandandomi se mi sento veramente felice…
E, a tale domanda, mi sono soffermata nel silenzio assoluto come se fossi in una stanza ovattata dove non percepivo il ben che minimo rumore…
…e, i miei pensieri, come un fiume in piena scorrevano verso il mare della mia mente…
 

senza che io li fermassi…

 
…e improvvisamente mi si presenta la scena del film “La ricerca della felicità” e la famosissima frase che Chris dice a suo figlio:
 
“Hey! Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa.
Neanche a me. Ok? Se hai un sogno tu lo devi proteggere.
Quando le persone non sanno fare qualcosa lo dicono a te che non la sai fare.
Se vuoi qualcosa, vai e inseguila. Punto.”
 
Decido immediatamente di rivedere il film, anche se conosco benissimo la storia, ma voglio rivederlo per coglierne meglio le varie sfumature…
 
Prima di dirti quali sono le mie opinioni e le mie riflessioni sulla storia raccontata in questo film, voglio dirti che per anni e anni mi sono ripetuta frasi come queste:
 
quando un giorno avrò i soldi… sarò felice
quando un giorno andrò… sarò felice
quando un giorno riuscirò… sarò felice
quando un giorno diventerò… sarò felice
 
…………………………………………………………………….
 

Questi quando non arrivavano mai…

 
Cadendo vorticosamente la maggior parte delle volte, in ansia da prestazione…
E il tempo passava… e il tempo passa…
 

Ma secondo te, se un giorno questo “quando” arriverà sarai felice?

Mah…boh…?

Dipende che valore avrà quella felicità…

se sarà destinata ad un fermo o continuerà ad evolversi…
sì, penso proprio che possa essere così…
 

Credi sia così?

Diciamo molte volte di essere felici, ma, fondamentalmente, non lo siamo…
Ci accontentiamo di un piccolo momento di felicità, direi felicità apparente, quando facciamo qualcosa che, in quel preciso momento, ci gratifica per esempio comprarsi un paio di scarpe, una maglietta ecc…
 

E poi? E poi tutto ritorna come prima…

 

𝐓𝐢 𝐬𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐟𝐞𝐥𝐢𝐜𝐞 𝐢𝐧 𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭𝐨 𝐦𝐨𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐭𝐮𝐚 𝐯𝐢𝐭𝐚?

𝐎𝐫𝐚 𝐬𝐞𝐢 𝐟𝐞𝐥𝐢𝐜𝐞?

𝐄𝐜𝐜𝐨 𝐝𝐢𝐩𝐞𝐧𝐝𝐞 𝐝𝐚 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐞 𝐚𝐧𝐠𝐨𝐥𝐚𝐭𝐮𝐫𝐚 𝐨𝐬𝐬𝐞𝐫𝐯𝐢 𝐢𝐥 𝐜𝐨𝐧𝐜𝐞𝐭𝐭𝐨 𝐝𝐢 𝐟𝐞𝐥𝐢𝐜𝐢tà…

 
Credo che la felicità sia il punto di partenza di ogni traguardo e non il punto di arrivo… la felicità credo non sia il traguardo…
 
La felicità credo sia il momento che vivi ogni singolo istante della tua giornata!
 
Voglio spiegarti questo concetto con quello che sto provando io in questo preciso momento:
 
“Mi sento felice perché in questo momento ti sto scrivendo e non ho aspettative, non so cosa succederà dopo che tu avrai letto il mio pensiero,
non so dove mi porterà… ma io voglio scriverti e lo faccio liberamente perché io mi sento felice quando ti scrivo, mi sento felice quando tu mi leggi… e mi sento felice di condividere con te quello che sento…”
 
Ritornando a quello che ti ho detto all’inizio voglio darti la mia opinione sul film…
 
Forse riesco a centrare ancora meglio il concetto di felicità…
Dopo essere stato sfrattato, Chris vive di stenti con il figlioletto e accetta un posto da stagista non retribuito presso una società di consulenza finanziaria…
Ricordi l’espressione del viso di Chris? E il suo sguardo? Cosa fa Chris?
 
Nella disperazione lotta sopportando situazioni e difficoltà incredibili con il figlioletto che lo accompagna con amore e sacrificio… Questo papà si impegna come un pazzo entrando in ansia da prestazione, non sorride mai, è sempre preoccupato, corre corre corre… perché vuole il più presto possibile raggiungere il suo obiettivo per amore del suo piccolo bimbo…
 
Chris, finalmente, raggiunge il suo obiettivo, arriva al successo e diventa ricco….
 

Ricordi come termina il film?

Con Chris e il figlioletto soli, si incamminano per una strada…
 
Secondo il tuo punto di vista Chris è finalmente felice?
 
In quel momento della sua vita sicuramente si sente felice, ha una casa, una macchina, può donare al suo bambino tutto ciò che non aveva prima e tanto di più, ha tanti soldi… Ma io questa la chiamerei gratificazione istantanea…
 
Si, è vero Chris ha combattuto duro per arrivare al successo ma…
c’è un ma…
 

𝐋𝐚 𝐟𝐞𝐥𝐢𝐜𝐢𝐭à 𝐯𝐚 𝐩𝐢ù 𝐧𝐞𝐥 𝐩𝐫𝐨𝐟𝐨𝐧𝐝𝐨…

 
Per ogni cosa che tu vuoi fare, vuoi realizzare… la missione che intendi compiere se il tuo vero desiderio è di portala a compimento, devi prima concentrarti sulla costruzione della tua felicità personale, interiore e avere una direzione…
 
Se non ti senti felice per ogni passo che compi ogni singolo giorno, potrai anche raggiungere il tuo obiettivo (come lo ha raggiunto Chris), ma
potrai ricadere nell’insuccesso…
 

𝐋𝐚 𝐟𝐞𝐥𝐢𝐜𝐢𝐭à 𝐝𝐞𝐧𝐭𝐫𝐨 𝐝𝐢 𝐭𝐞 𝐝𝐞𝐯𝐢 𝐬𝐞𝐧𝐭𝐢𝐫𝐥𝐚 𝐦𝐞𝐧𝐭𝐫𝐞

𝐜𝐨𝐬𝐭𝐫𝐮𝐢𝐬𝐜𝐢 𝐭𝐮𝐭𝐭𝐨 𝐜𝐢ò 𝐜𝐡𝐞 𝐭𝐢 𝐜𝐨𝐧𝐝𝐮𝐫𝐫à

𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐫𝐞𝐚𝐥𝐢𝐳𝐳𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐭𝐮𝐨 𝐨𝐛𝐢𝐞𝐭𝐭𝐢𝐯𝐨… 𝐝𝐞𝐥 𝐭𝐮𝐨 𝐬𝐨𝐠𝐧𝐨…

 
Devi goderti il viaggio…
 
Mi sento felice oggi, per poter raggiungere passo dopo passo, sacrificio dopo sacrificio, avversità dopo avversità…….. il mio Sogno…!
 
Se tu corri, vai in ansia da prestazione e corri corri corri… così dopo sarai finalmente felice…
 
Potrebbe succedere che raggiunta la tua felicità, dopo un po’ ti ci abituerai a questa felicità e tornerai nuovamente a non esserlo più… 𝐭i 𝐛𝐚𝐬𝐭𝐞𝐫à 𝐮𝐧𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐢𝐜𝐨𝐥𝐭à 𝐜𝐨𝐦𝐦𝐢𝐬𝐮𝐫𝐚𝐭𝐚 𝐚𝐥 𝐭𝐮𝐨 𝐬𝐮𝐜𝐜𝐞𝐬𝐬𝐨….
 
Mi è venuto in mente in questo preciso momento l’Attore Robin Wiliams…
fama, successo… cosa gli mancava?

La cosa più importante!

La vera felicità e la serenità… ma in un momento di difficoltà… ha rinunciato alla vita…. Toccò molto il cuore di tutti noi la notizia… ed è duro anche in questo momento ricordarla…
 
Impara ad accettare le critiche, chi vuole tarparti le ali, chi ti dice che non è per te, chi ti dice che non sei capace, chi ti odia… proteggi il tuo Sogno… ma fallo con sorriso godendoti ciò che hai già…
 

𝐋𝐚 𝐟𝐞𝐥𝐢𝐜𝐢𝐭à 𝐯𝐚 𝐜𝐨𝐥𝐭𝐢𝐯𝐚𝐭𝐚 𝐨𝐠𝐧𝐢 𝐬𝐢𝐧𝐠𝐨𝐥𝐨 𝐠𝐢𝐨𝐫𝐧𝐨

𝐞𝐝 𝐞𝐬𝐬𝐞𝐫𝐞 𝐬𝐞𝐦𝐩𝐫𝐞 𝐟𝐞𝐥𝐢𝐜𝐢 𝐚𝐧𝐜𝐡𝐞 𝐧𝐞𝐢 𝐦𝐨𝐦𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐩𝐢ù 𝐝𝐮𝐫𝐢…

𝐬𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐝𝐢𝐬𝐭𝐫𝐮𝐠𝐠𝐞𝐫𝐞 𝐨 𝐧𝐨𝐧 𝐚𝐦𝐦𝐢𝐫𝐚𝐫𝐞 𝐜𝐢ò 𝐜𝐡𝐞 𝐠𝐢à 𝐡𝐚𝐢…

 
❤️✨💛